Kalifornication nasce ad Ascona …

Più in basso nel testo trovate la traduzione :

TRADUZIONE AUTOMATICA CON DEEPL (NON CORRETTO)

Tracciare le idee che hanno viaggiato dalla Germania ai deserti della California del Sud e, infine, definire lo spirito della controcultura degli anni Sessanta. La straordinaria storia dei LA Nature Boys …

 

Kalifornication :

https://www.frieze.com/article/kalifornication

Tracing the ideas that travelled from Germany to the deserts of Southern California, and, eventually, to define the spirit of 1960s counterculture. The remarkable story of the LA Nature Boys

L BY LYRA KILSTON IN FEATURES | 24 MAR 13
William Pester in front of his cabin in Palm Canyon, Palm Springs California, 1917 (courtesy: Palm Springs Art Museum, Photograph: Stephen H. Willard)

A photograph taken near Palm Springs, California, depicts a long-haired, bearded man sitting on a tree stump playing slide guitar. He’s barefoot and wears a loose wrap around his waist. Behind him is a simple hut he built himself, covered with palm fronds. The man is William Pester. He’s been living in the desert for years, making his own sandals and subsisting on a diet of mostly raw fruit and vegetables. Despite all this, it isn’t 1968. It’s 1917. And he’s German.

Pester, known as the ‘hermit of Palm Springs’, left Germany in 1906 to avoid military service. He settled in Palm Canyon, a couple of hours drive east of Los Angeles, where he took long solitary hikes in the bronze San Jacinto Mountains and sold homemade postcards at a roadside stand. These cards featured health tips gleaned from the philosophy of Lebensreform (life reform), the late-19th century German cultural movement that endorsed a return to nature through practices like vegetarianism, natural healing, and nudism.

Sometime in the 1930s, Pester met a fellow wanderer named eden ahbez in Tahquitz Canyon. Recognizing a kindred spirit, Pester became a mentor to the younger man. Ahbez – who wrote his chosen name in lowercase because he believed that only the words ‘God’ and ‘Infinity’ should be capitalized – was born to a large, impoverished family in Brooklyn and sent by orphan train to live with foster parents in the Midwest. By the time he settled in California he had embraced the freedom of an atypical lifestyle, claiming to have crossed the country eight times by foot.

Besides Lebensreform, other Germanic ideas were finding fertile ground in early 20th century Southern California. Sexauer’s Natural Foods in Santa Barbara, owned by German immigrant Hermann Sexauer, and the Eutropheon, a vegetarian raw food cafeteria in Los Angeles opened by John and Vera Richter in 1917, were centres for disseminating radical ideas imported from Europe. The communities that coalesced around such businesses shared not only dietary habits, but also an interest in learning about alternative health and lifestyle practices. They shared books on naturopathy and healing by Germans like Arnold Ehret, who arrived in Los Angeles in 1914 after running the sanitarium at the Monte Verità commune in Switzerland, Louis Kuhne a.k.a. the ‘father of the detox bath’ and Adolf Just, founder of the Jungborn vegetarian nudist colony and author of titles such as Return to Nature! The True Natural Method of Healing and Living and the True Salvation of the Soul (1896). Such figures promoted ideals that, over nearly a century, travelled from Germany to the deserts and tiny health food stores of Southern California, and, eventually, defined a spirit of 1960s counterculture.

A group of ‘Nature Boys’ including eden ahbez (front row, second from left) and Gypsy Boots (back row, far left), 1948 (courtesy: The Estate of Gypsy Boots)

This interest in alternative lifestyles was akin to a religious calling. John Richter regularly gave public lectures about the benefits of raw foods and natural living at the Eutropheon, while his wife Vera wrote cookbooks such as Mrs. Richter’s Cook-Less Book with Scientific Food Chart (1925), which condemned the violent act of eating cooked animal flesh and offered chapters on sun-baked bread and ‘soups for the toothless’. When not wandering the desert, eden abhez occasionally worked as a piano player at the Eutropheon, where he befriended a group of young men with similar views. They too cultivated long hair and beards, practiced vegetarianism and Eastern mysticism, and spent long periods of time in nature where they slept outside, roamed nearly naked, and foraged for food. They became known around town as the ‘Nature Boys’.

Not much is known about this loose group of proto-hippies besides rumours (Jack Kerouac mentioned seeing ‘an occasional Nature Boy saint’ in Los Angeles in On the Road [1957]) and a few photos that show them eating watermelons in a canyon, or playing music on the street, bare-chested and devout. Yet, ahbez found fame in an unlikely manner. In 1948, his song, Nature Boy, as sung by Nat King Cole, became a number one nationwide hit for eight weeks. (The story goes that ahbez passed the sheet music to Cole’s manager, and Cole realized the potential of the unusual melody and haunting lyrics. It has since become a jazz standard.) Some have proposed that the inspiration for the title was ahbez’s desert-dwelling Teutonic friend, William Pester. The lyrics begin: There was a boy / A very strange enchanted boy / They say he wandered very far, very far / Over land and sea / A little shy / And sad of eye / but very wise was he. Ahbez provided the media with an intriguing subject and he was interviewed and photographed – robed and sandled like Jesus – for national magazines during the song’s meteoric rise. Although he continued to make and record music for years afterward, ahbez left the limelight to return to his simple life in the mountains ringing Los Angeles.

eden ahbez in front of a poster for the Nat King Cole version of his song Nature Boy, 1948 (courtesy: Time Life Pictures & Getty Images, photograph: Peter Stackpole)

Mirroring the mentorship between Pester and ahbez, another popular Nature Boy known as Gypsy Boots also benefited from the influence of a German immigrant. Maximilian Sikinger arrived in the US in 1935 and train-hopped to California after exploring natural healing, nutrition and outdoor living in Germany. Sikinger met Boots (né Robert Bootzin) in San Francisco, and became his mentor, passing along a strain of Lebensreform philosophies to a new devotee. They joined the loose circle of the Nature Boys in the 1940s, during which time Sikinger published a pamphlet on raw food and meditation that sold thousands of copies. Boots, who later became the most widely known Nature Boy, opened the popular Health Hut in Hollywood in 1958. He went on to regularly appear on television on The Steve Allen Show in the early 1960s, where he swung by rope onto the stage, gulped down organic juices, and exercised with the host. As a beloved eccentric, he appeared onstage with many psychedelic bands of the late 1960s, and was widely considered the ‘original hippie’, passing the torch along to a new generation seeking an alternative way of life.

It’s not difficult to see why Southern California would attract early devotees of raw food and outdoor living – where better to enjoy nudism, sun worship, and the ability to eat fruit and vegetables all year round? The dry climate made it a known sanitarium by the 1870s, when tubercular visitors began arriving for sun and mineral springs treatments. As the Western frontier farthest from Europe, California famously held a mythical status for people wanting to escape the ossified traditions of their ancestors and start anew.

Rudolf von Laban and his dancers Ascona, 1914 (courtesy: © 2013 Kunsthaus Zürich, Nachlass Suzanne Perrottet, photograph: Johann Adam Meisenbach)

But why and how had the alternative lifestyles of the men mentioned above flourished in Germany? Going ‘back to nature’ had other champions in the 19th century (like Henry David Thoreau, Walt Whitman, Leo Tolstoy, and George Bernard Shaw), but it was an especially rampant idea in Germany, which had experienced the most extreme pace of industrialization and urban growth of any European nation in the late 19th century. By 1910, Germany contained as many large cities as the entire rest of Europe. As historian Michael Green has noted, ‘the iron cage weighed heaviest, and the fight against it was fiercest, in Germany.’1 Revolts took many forms and were led by a wide cast of players, but a few salient movements, places, and people were most relevant to the subsequent Southern California export.

Toward the end of the 19th century in Germany, the Lebensreform movement grew rapidly. As historian Michael Hau writes of its followers, ‘They believed that modern civilization, urbanization, and industrialization had alienated human beings from their “natural” living conditions, leading them down a path of progressive degeneration that could only be reversed by living in accordance with man’s and woman’s nature.’2

One of the more famous colonies influenced by such thinking was Monte Verità, located near Lago Maggiore in Switzerland. It operated as a loose collection of participants – anarchists, dancers, artists, Tolstoyan ascetics, wanderers, healers, writers – who passed through, perhaps meeting at dawn for a nude sun salute, attending lectures on Theosophy, or living in simple huts in the forest. Attracting many curious parties Monte Verità was also host to widely-known personalities like Isadora Duncan, Carl Jung, Alexei Jawlensky, and H.G. Wells. One founding member of note was Gusto Gräser, born in 1879 in a German pocket of what is now Transylvania. Bearded and beatific, Gräser wandered through Europe with his family in a caravan painted with philosophical slogans, spreading his gospel and giving away poems or blades of grass as gifts. He was frequently imprisoned for spreading subversive ideas. Hermann Hesse met Gräser at Monte Verità and found in him a spiritual guide. In fact, Hesse is thought to have modelled characters in his novels after Gräser’s fierce anti-establishment ways. Hesse’s writing offers another knot in the thread connecting Germany to 1960s US counterculture: his quest for alternatives to Western culture led him to travel to India, which in turn inspired the novel Siddhartha (1922) – required reading for the hippie generation more than four decades later.

Gypsy Boots riding an elephant, undated (courtesy: Los Angeles Public Library Photo Collection)

At the same time that Lebensreform was spreading, a small group of youths began taking organized nature walks and hikes in the mountains. In 1901 they coalesced under the name Wandervogel (wandering bird). Within thirteen years they counted 50,000 members recruited from schools across the country. Creating a culture that stood in stark contrast to their staid parents, the Wandervogel youths dressed in tattered or loose clothing like capes, romantic collars, and bright scarves, and their hikes extended into long overnight excursions where they would sleep in clubhouses they called nests or anti-homes. They gathered to play folk music, tell stories of medieval Germany around bonfires, and scorn the adult world of obligatory education and toil. A Wandervogel magazine article of 1913 proclaimed: ‘Our people need whole men, not fragments such as notaries, party hacks, scholars, officials, and courtiers.’3

It’s clear to see where the beliefs of the Wandervogel, and the many similar groups that multiplied throughout Germany at that time, reverberated in the anti-establishment movements of the 1960s. But their influence also had other offshoots. Recognizing the power and popularity of youth movements, the Nazi party outlawed them in 1933 in order to consolidate young people under the banner of Hitler Youth. Within a few years, the tradition of organized hiking was replaced with military camps and marching.

Parts of the Lebensreform movement also helped lay groundwork for Nazi Germany’s racist agenda; some of its advocates emphatically linked the health of the individual body as essential to the hygiene and strength of the nation. As historian Christian Adam notes, one of the most popular books during the Third Reich was Hans Surén’s Man and Sun: The Aryan-Olympian Spirit (1936), a photographic study of nude German revellers accompanied by texts on the benefits of nude hiking, mudbaths, and yoga.4 As Adam explains, such images ‘didn’t just hold the promise of freedom. They also held thoughts of breeding – the body as a breeding tool that must be properly trained and fed like a race horse.’5 Even earlier, nudist-advocate Richard Ungewitter, who proselytized that Germanic culture must return to the primitive simplicity of a pre-Christian tribal past, published popular fevered treatises that promoted nudism, vegetarianism, and racial purity. He blamed capitalism, socialism, and the unnecessary use of clothing for the loss of Aryan supremacy.

Gerhard Riebicke, 5 men with a medicine ball, c.1925. Courtesy: © Bodo Niemann, Berlin & picture perfect GbR

Ahbez’s popular Nature Boy song became the primary soundtrack for the 1948 pacifist film The Boy with Green Hair, which tells the story of a child whose hair suddenly and mysteriously turns bright green when he discovers that he is a war orphan. After being ostracized by the small-minded residents of his American town, he has a vision of meeting a group of war orphans in the forest who explain that his green hair symbolizes the human costs of war. In fact, a new war is already brewing, accompanied by the fear of atomic devastation. Ahbez’s ardent lyrics repeated at the end of Nature Boy: the greatest thing you’ll ever learn / is just to love and be loved in return, pitted love against war in a guileless dichotomy that was to surface again as a creed of the 1960s anti-war movement.

Ironically, the film came under scrutiny during a moment when support for the Cold War, and paranoia about Communist sympathizers, was on the rise. RKO Pictures purchased The Boy with Green Hair before its release, and proposed that certain lines of dialogue be modified to suggest the need for preparedness for war, rather than condemnation. The script changes ultimately altered the storyline too much and were dropped – yet soon afterward the director, Joseph Losey, was blacklisted.

That the film’s message of peace and tolerance could be framed as un-American – as the pursuit of natural living was distorted by German fascism a dozen years earlier – clearly displays how idealism is so often warped to serve contemporary power interests. And so, the seeds of a desire to live simply, healthily, and in harmony with nature, sown in two nations, grew into very different vines.

1 Martin Green, Mountain of Truth: The Counterculture Begins, Ascona, 1900–1920 (Boston: Tufts University, University Press of New England Hanover and London, 1986), p.59 2 Michael Hau, The Cult of Health and Beauty in Germany: A Social History, 1890–1930 (Chicago: University of Chicago Press, 2003) 3 Richard Miller, Bohemia: The Protoculture Then and Now (Chicago: Nelson Hall, 1977), p.148. Emphasis mine 4 See Karl Toepfer, Empire of Ecstasy: Nudity and Movement in German Body Culture 1910–1935 (Berkeley: University of California Press, 1997), p.33 5 Interview with Christian Adam, Naked Nazis: Book Reveals Extent of Third Reich Body Worship, on Spiegel.de, 16 June, 2011

TRADUZIONE AUTOMATICA CON DEEPL (NON CORRETTO)

Tracciare le idee che hanno viaggiato dalla Germania ai deserti della California del Sud e, infine, definire lo spirito della controcultura degli anni Sessanta. La straordinaria storia dei LA Nature Boys

L DI LYRA KILSTON in FEATURES | 24 MAR 13

William Pester davanti alla sua cabina a Palm Canyon, Palm Springs California, 1917 (cortesia: Palm Springs Art Museum, Fotografia: Stephen H. Willard)
Una fotografia scattata vicino a Palm Springs, in California, ritrae un uomo dai capelli lunghi e barbuto seduto su un ceppo d’albero che suona la chitarra a diapositiva. È scalzo e indossa un involucro largo intorno alla vita. Dietro di lui c’è una semplice capanna che ha costruito lui stesso, coperta di fronde di palma. L’uomo è William Pester. Vive nel deserto da anni, si fa i sandali da solo e si nutre di frutta e verdura per lo più cruda. Nonostante tutto questo, non siamo nel 1968. Siamo nel 1917. Ed è tedesco.

Pester, noto come “l’eremita di Palm Springs”, ha lasciato la Germania nel 1906 per evitare il servizio militare. Si stabilì a Palm Canyon, a un paio d’ore di macchina a est di Los Angeles, dove fece lunghe escursioni solitarie sulle montagne di bronzo di San Jacinto e vendette cartoline fatte in casa in un chiosco lungo la strada. Queste cartoline contengono consigli per la salute tratti dalla filosofia della Lebensreform (la riforma della vita), il movimento culturale tedesco di fine Ottocento che ha sostenuto il ritorno alla natura attraverso pratiche come il vegetarianesimo, la guarigione naturale e il nudismo.

Negli anni Trenta del secolo scorso, Pester incontrò un compagno vagabondo di nome eden ahbez nel Tahquitz Canyon. Riconoscendo uno spirito affine, Pester divenne un mentore per l’uomo più giovane. Ahbez – che scrisse il nome scelto in minuscolo perché credeva che solo le parole “Dio” e “Infinito” dovessero essere maiuscole – nacque da una famiglia numerosa e povera di Brooklyn e fu mandato in treno in orfanotrofio a vivere con genitori adottivi nel Midwest. Quando si stabilì in California, aveva già abbracciato la libertà di uno stile di vita atipico, affermando di aver attraversato il Paese otto volte a piedi.

Oltre a Lebensreform, altre idee germaniche stavano trovando terreno fertile all’inizio del XX secolo nella California meridionale. Il Natural Foods di Sexauer a Santa Barbara, di proprietà dell’immigrato tedesco Hermann Sexauer, e l’Eutropheon, una caffetteria vegetariana di Los Angeles aperta da John e Vera Richter nel 1917, erano centri di diffusione di idee radicali importate dall’Europa. Le comunità che si riunivano intorno a queste attività condividevano non solo le abitudini alimentari, ma anche l’interesse a conoscere pratiche di salute e stili di vita alternativi. Condividevano libri sulla naturopatia e la guarigione di tedeschi come Arnold Ehret, arrivato a Los Angeles nel 1914 dopo aver gestito il sanatorio del comune di Monte Verità in Svizzera, Louis Kuhne detto il “padre del bagno disintossicante” e Adolf Just, fondatore della colonia nudista vegetariana Jungborn e autore di titoli come Ritorno alla natura! The True Natural Method of Healing and Living e la vera salvezza dell’anima (1896). Tali figure promossero ideali che, nel corso di quasi un secolo, viaggiarono dalla Germania ai deserti e ai piccoli negozi di cibi salutari della California del Sud, e, alla fine, definirono uno spirito di controcultura degli anni Sessanta.

Un gruppo di ‘Nature Boys’ tra cui eden ahbez (prima fila, seconda da sinistra) e Gypsy Boots (seconda fila, estrema sinistra), 1948 (cortesia: The Estate of Gypsy Boots)
Questo interesse per stili di vita alternativi era simile a una vocazione religiosa. John Richter teneva regolarmente conferenze pubbliche sui benefici del cibo crudo e della vita naturale all’Eutrofeo, mentre sua moglie Vera scriveva libri di cucina come il “Cook-Less Book with Scientific Food Chart” della signora Richter (1925), che condannava l’atto violento di mangiare carne animale cotta e offriva capitoli sul pane cotto al sole e sulle “zuppe per gli sdentati”. Quando non vagava per il deserto, eden abhez lavorava occasionalmente come pianista all’Eutropheon, dove fece amicizia con un gruppo di giovani con vedute simili. Anche loro coltivavano i capelli lunghi e la barba, praticavano il vegetarianesimo e il misticismo orientale, e trascorrevano lunghi periodi di tempo in natura dove dormivano all’aperto, vagavano quasi nudi e cercavano cibo. Divennero noti in città come i “Nature Boys”.

Non si sa molto di questo sciolto gruppo di proto-hippies oltre alle voci (Jack Kerouac ha menzionato di aver visto “un occasionale santo dei Nature Boy” a Los Angeles in On the Road [1957]) e alcune foto che li mostrano mentre mangiano angurie in un canyon, o mentre suonano musica per strada, a torso nudo e devoti. Eppure, ahbez ha trovato la fama in modo improbabile. Nel 1948 la sua canzone, Nature Boy, cantata da Nat King Cole, divenne per otto settimane il numero uno a livello nazionale. (La storia racconta che ahbez passò gli spartiti al manager di Cole, e Cole si rese conto del potenziale della melodia insolita e del testo ossessionante. Da allora è diventata uno standard jazz). Alcuni hanno proposto che l’ispirazione per il titolo sia stata l’amico teutonico che vive nel deserto di ahbez, William Pester. Il testo inizia: C’era un ragazzo / Un ragazzo molto strano e incantato / Si dice che vagasse molto, molto lontano / Per terra e per mare / Un po’ timido / E triste di occhio / Ma molto saggio era. Ahbez ha fornito ai media un soggetto intrigante ed è stato intervistato e fotografato – vestito e vestito come Gesù – per le riviste nazionali durante l’ascesa fulminea della canzone. Anche se ha continuato a fare e registrare musica per anni, Ahbez ha lasciato le luci della ribalta per tornare alla sua semplice vita di montagna che risuonava a Los Angeles.

eden ahbez davanti a un poster per la versione Nat King Cole della sua canzone Nature Boy, 1948 (cortesia: Time Life Pictures & Getty Images, fotografia: Peter Stackpole)
A rispecchiare la mentoringhip tra Pester e ahbez, un altro popolare Nature Boy noto come Gypsy Boots ha anche beneficiato dell’influenza di un immigrato tedesco. Maximilian Sikinger arrivò negli Stati Uniti nel 1935 e saltò in treno verso la California dopo aver esplorato le cure naturali, l’alimentazione e la vita all’aria aperta in Germania. Sikinger incontrò Boots (né Robert Bootzin) a San Francisco, e divenne il suo mentore, trasmettendo un ceppo di filosofia Lebensreform a un nuovo devoto. Si unirono al circolo dei Nature Boys negli anni Quaranta, durante i quali Sikinger pubblicò un opuscolo sul cibo crudo e la meditazione che vendette migliaia di copie. Boots, che più tardi divenne il Nature Boy più conosciuto, aprì il popolare Health Hut a Hollywood nel 1958. All’inizio degli anni Sessanta apparve regolarmente in televisione al The Steve Allen Show, dove salì sul palcoscenico con una corda, sorseggiò succhi di frutta organici e si esercitò con il conduttore. Da amato eccentrico, apparve sul palco con molte band psichedeliche della fine degli anni Sessanta, ed era ampiamente considerato l'”hippie originale”, passando il testimone a una nuova generazione alla ricerca di uno stile di vita alternativo.

Non è difficile capire perché la California del Sud abbia attirato i primi amanti del cibo crudo e della vita all’aria aperta – dove è meglio godersi il nudismo, il culto del sole e la possibilità di mangiare frutta e verdura tutto l’anno? Il clima secco la rese un sanatorio conosciuto già negli anni Settanta del XIX secolo, quando i visitatori tubercolari iniziarono ad arrivare per le cure solari e le sorgenti minerali. Essendo la frontiera occidentale più lontana dall’Europa, la California aveva notoriamente uno status mitico per le persone che volevano sfuggire alle tradizioni ossificate dei loro antenati e ricominciare da capo.

Rudolf von Laban e le sue ballerine Ascona, 1914 (cortesia: © 2013 Kunsthaus Zürich, Nachlass Suzanne Perrottet, fotografia: Johann Adam Meisenbach)
Ma perché e come sono fioriti in Germania gli stili di vita alternativi degli uomini sopra citati? Il “ritorno alla natura” ha avuto altri campioni nel XIX secolo (come Henry David Thoreau, Walt Whitman, Leo Tolstoy e George Bernard Shaw), ma è stata un’idea particolarmente dilagante in Germania, che ha conosciuto il ritmo di industrializzazione e di crescita urbana più estremo di qualsiasi altra nazione europea alla fine del XIX secolo. Nel 1910 la Germania conteneva tante grandi città quante il resto d’Europa. Come ha osservato lo storico Michael Green, “la gabbia di ferro pesava di più e la lotta contro di essa era più feroce, in Germania “1. Le rivolte assunsero molte forme e furono guidate da un ampio cast di giocatori, ma alcuni movimenti, luoghi e persone salienti furono i più rilevanti per la successiva esportazione della California meridionale.

Verso la fine del XIX secolo in Germania, il movimento Lebensreform crebbe rapidamente. Come scrive lo storico Michael Hau dei suoi seguaci, “Essi credevano che la civiltà moderna, l’urbanizzazione e l’industrializzazione avessero alienato gli esseri umani dalle loro condizioni di vita “naturali”, conducendoli su un sentiero di progressiva degenerazione che poteva essere invertito solo vivendo in accordo con la natura dell’uomo e della donna “2 .

Una delle colonie più famose influenzate da tale pensiero è stata quella del Monte Verità, situata vicino al Lago Maggiore in Svizzera. Funzionava come una collezione sciolta di partecipanti – anarchici, danzatori, artisti, asceti tolstoiani, vagabondi, guaritori, scrittori – che passavano di lì, magari incontrandosi all’alba per un saluto al sole nudo, partecipando a conferenze sulla Teosofia, o vivendo in semplici capanne nella foresta. Il Monte Verità ha ospitato anche personalità molto conosciute come Isadora Duncan, Carl Jung, Alexei Jawlensky e H.G. Wells. Un membro fondatore è stato Gusto Gräser, nato nel 1879 in una tasca tedesca dell’attuale Transilvania. Barbuto e beatifico, Gräser girovagava per l’Europa con la sua famiglia in una carovana dipinta con slogan filosofici, diffondendo il suo Vangelo e regalando poesie o fili d’erba. Fu spesso imprigionato per aver diffuso idee sovversive. Hermann Hesse incontrò Gräser al Monte Verità e trovò in lui una guida spirituale. Si pensa infatti che nei suoi romanzi Hesse abbia modellato i personaggi dei suoi romanzi secondo i feroci modi anti-stabilimento di Gräser. La scrittura di Hesse offre un altro nodo nel filo che collega la Germania alla controcultura statunitense degli anni Sessanta: la sua ricerca di alternative alla cultura occidentale lo portò a viaggiare in India, che a sua volta ispirò il romanzo Siddhartha (1922) – lettura necessaria per la generazione hippie più di quattro decenni dopo.

Stivali da zingari a cavallo di un elefante, senza data (per gentile concessione della Los Angeles Public Library Photo Collection)
Nello stesso periodo in cui si diffondeva la Lebensreform, un piccolo gruppo di giovani iniziò a fare passeggiate ed escursioni organizzate nella natura in montagna. Nel 1901 si riunirono sotto il nome di Wandervogel (uccello errante). Nel giro di tredici anni contarono 50.000 membri reclutati nelle scuole di tutto il Paese. Creando una cultura in netto contrasto con i loro genitori, i giovani Wandervogel si vestivano con abiti stracciati o sciolti come mantelli, colletti romantici e sciarpe luminose, e le loro escursioni si estendevano in lunghe escursioni notturne dove dormivano in club house che chiamavano nidi o anti case. Si riunivano per suonare musica folk, raccontare storie della Germania medievale intorno ai falò e disprezzare il mondo adulto dell’istruzione obbligatoria e del lavoro. Un articolo della rivista Wandervogel del 1913 proclamava: “Il nostro popolo ha bisogno di uomini interi, non di frammenti, come notai, funzionari e cortigiani”.3

È chiaro dove le credenze del Wandervogel, e dei molti gruppi simili che si moltiplicavano in tutta la Germania in quel periodo, riverberavano nei movimenti anti-stabilimento degli anni Sessanta. Ma la loro influenza aveva anche altre ramificazioni. Riconoscendo il potere e la popolarità dei movimenti giovanili, il partito nazista li mise fuori legge nel 1933 per consolidare i giovani sotto la bandiera della Gioventù hitleriana. Nel giro di pochi anni, la tradizione dell’escursionismo organizzato fu sostituita da campi militari e marce.

Parte del movimento Lebensreform contribuì anche a gettare le basi per l’agenda razzista della Germania nazista; alcuni dei suoi sostenitori legarono enfaticamente la salute del corpo individuale come essenziale per l’igiene e la forza della nazione. Come osserva lo storico Christian Adam, uno dei libri più popolari durante il Terzo Reich fu L’uomo e il sole di Hans Surén: The Aryan-Olympian Spirit (1936), uno studio fotografico di nudo dei festaioli tedeschi accompagnato da testi sui benefici dell’escursionismo nudo, dei bagni di fango e dello yoga.4 Come spiega Adamo, tali immagini “non contenevano solo la promessa della libertà. Come spiega Adamo, tali immagini “non contenevano solo la promessa di libertà, ma anche pensieri di allevamento – il corpo come strumento di allevamento che deve essere adeguatamente addestrato e nutrito come un cavallo da corsa “5. Ancora prima, il nudista avvocato Richard Ungewitter, che ha fatto proselitismo sul fatto che la cultura germanica deve tornare alla semplicità primitiva di un passato tribale precristiano, ha pubblicato trattati popolari febbrili che promuovono il nudismo, il vegetarianismo e la purezza razziale. Incolpava il capitalismo, il socialismo e l’uso inutile degli abiti per la perdita della supremazia ariana.

Gerhard Riebicke, 5 uomini con una palla medica, 1925 circa. Cortesia: © Bodo Niemann, Berlino & picture perfect GbR
La popolare canzone di Ahbez Nature Boy è diventata la colonna sonora principale del film pacifista del 1948 The Boy with Green Hair, che racconta la storia di un bambino i cui capelli diventano improvvisamente e misteriosamente verdi quando scopre di essere un orfano di guerra. Dopo essere stato emarginato dagli abitanti di piccole dimensioni della sua città americana, ha la visione di incontrare un gruppo di orfani di guerra nella foresta che gli spiega che i suoi capelli verdi simboleggiano i costi umani della guerra. In realtà, una nuova guerra è già in atto, accompagnata dalla paura della devastazione atomica. Il testo ardente di Ahbez ripetuto alla fine di Nature Boy: la cosa più grande che si impara è proprio amare ed essere amati in cambio, contrapposto all’amore contro la guerra in una dicotomia senza colpa che sarebbe riemersa come un credo del movimento anti-guerra degli anni Sessanta.

Ironia della sorte, il film è stato esaminato in un momento in cui il sostegno alla guerra fredda, e la paranoia dei simpatizzanti comunisti, era in aumento. La RKO Pictures ha acquistato The Boy with Green Hair prima della sua uscita, e ha proposto di modificare alcune linee di dialogo per suggerire la necessità di prepararsi alla guerra, piuttosto che di condannarla. I cambiamenti di sceneggiatura alla fine alterarono troppo la trama e furono abbandonati – eppure poco dopo il regista, Joseph Losey, fu messo sulla lista nera.

Il fatto che il messaggio di pace e tolleranza del film possa essere inquadrato come anti-americano – dato che la ricerca della vita naturale è stata distorta dal fascismo tedesco una dozzina di anni prima – mostra chiaramente come l’idealismo sia così spesso deformato per servire gli interessi del potere contemporaneo. E così, i semi del desiderio di vivere in modo semplice, sano e in armonia con la natura, seminati in due nazioni, sono cresciuti in vitigni molto diversi.

1 Martin Green, Mountain of Truth: The Counterculture Begins, Ascona, 1900-1920 (Boston: Tufts University, University Press of New England Hanover and London, 1986), p.59 2 Michael Hau, Il culto della salute e della bellezza in Germania: A Social History, 1890-1930 (Chicago: University of Chicago Press, 2003) 3 Richard Miller, Boemia: The Protoculture Then and Now (Chicago: Nelson Hall, 1977), p.148. Mina di enfasi 4 Vedi Karl Toepfer, L’impero dell’estasi: nudità e movimento nella cultura del corpo tedesca 1910-1935 (Berkeley: University of California Press, 1997), p.33 5 Intervista con Christian Adam, Nazisti nazisti nudi: Il libro rivela l’estensione del culto del corpo del Terzo Reich, su Spiegel.de, 16 giugno 2011

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s